LOGO_IFBB_NUOVO

 

Selezione Squadra Azzurra IFBB per le Gare Internazionali IFBB.

Qualificante Mondiale, Europei, Giochi del Mediterraneo

I primi 6 si qualificano per il Campionato Italiano  2015

Roma 7 Dicembre 2014
Palacavicchi
Via Ranuccio Bianchi Bandinelli, 130
Ciampino Zona Industriale

Ludus_2014 10.19.23

Per facilitare le operazioni di registrazione e peso si ricorda a  tutti gli Atleti, che e’ Obbligatoria provvedere ad inviare la Preiscrizione al Ludus Maximus IFBB 2014

Invia Preiscrizione alla Gara

La storia del Ludus Maximus 

 

Quando, alla caduta dell’ “ancien regime IFBB”, il popolo del ferro si trovò orfano di uno degli appuntamenti agonistici più attesi dell’anno (il Grand Prix IFBB Colosseum) apparve immediatamente chiara l’esigenza di restituire alla Città Eterna la dignità regale del suo immenso cuore culturistico, fatto di campioni, di appassionati e di tanti e tanti “simpatizzanti”.

Fu allora che la IFBB, su suggerimento di Giancarlo Scimeca, già responsabile del Centro Italia per la IFBB ed ideatore di altre importanti manifestazioni sportive, decise di dare vita ad un nuovo evento, qualcosa in grado di accendere gli entusiasmi, di gratificare atleti e spettatori e –soprattutto – di riportare il grande bodybuilding nella nostra città.

Serviva un nome che – come per il fortunato COLOSSEUM – riuscisse ad esprimere la magnificenza della Roma imperiale, senza tuttavia attribuire all’evento un carattere troppo “partigiano”, una sorta di richiamo “urbi et orbi”, il voler arrivare al cuore di ogni vero culturista per condividere una passione – che è poi un “modo di essere” che rende ciascuno di noi, ogni giorno, ”gladiatori nell’arena della palestra come in quella della vita”.

La scelta del nome LUDUS MAXIMUS viene dalla volontaria fusione di Ludus Magnus e dell’aggettivo di grado superlativo “maximus”.

Il Ludus Magnus, la più grande delle palestre gladiatorie di Roma, fu costruito dall’imperatore Domiziano (81-96 d.C.) nella valle tra l’Esquilino ed il Celio, in un’area già occupata da strutture di epoca repubblicana e augustea.

Il Ludus Magnus ebbe una tale collocazione topografica perché costruito in funzione degli spettacoli da tenersi nell’Anfiteatro Flavio (Colosseo). Per facilitare i collegamenti, si misero in diretta comunicazione i due edifici tramite una galleria che, partendo dai sotterranei dell’anfiteatro, raggiungeva il Ludus presso l’angolo sud-ovest.

Con ciò non si vuole certo far riferimento ad una – per così dire SUPER PALESTRA, ma piuttosto richiamare l’idea dei Ludi gladiatori nei quali si combatteva per l’onore, per la vita e per la conquista della libertà, volendo ad essa associare un’idea di magnificenza.

Il più grande spettacolo possibile, dunque, l’EVENTO con tutte le maiuscole, la sfida delle sfide alla ricerca di una gloria imperitura.

 

Lascia un Commento